«

»

dic 23

Un anno di TFIEY

angeloIl 2014 è stato un anno davvero importante per il progetto Tfiey. La collaborazione tra fondazioni si è ampliata: alla Compagnia di San Paolo e alla Fondazione Zancan si sono aggiunte Fondazione Cariplo, Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo e Fondazione CON IL SUD.
Insieme abbiamo organizzato due seminari nazionali: il primo a Milano (gennaio 2014) sul tema del coinvolgimento dei genitori e il secondo a Napoli (maggio 2014) sul tema della valutazione dei servizi per la prima infanzia.
Il confronto ha contribuito alla discussione a livello internazionale, nei forum di Lisbona e di Amsterdam. Tutti i materiali prodotti nelle iniziative seminariali sono ora scaricabili dai siti istituzionali delle Fondazioni e dal sito www.tfieyitalia.org.
In questo anno ci hanno ascoltato con attenzione molte persone: al convegno nazionale dei servizi educativi e delle scuole d’infanzia di Reggio Emilia, al convegno internazionale per i 50 anni della Fondazione Zancan a Padova, al convegno annuale di Fondazione CON IL SUD a  Milano, alla conferenza internazionale Eusarf di Copenaghen.
I messaggi e le proposte del Tfiey sono arrivate a referenti del governo, delle istituzioni politiche, delle regioni e dei comuni. Il Tfiey  insieme con Fondazione Zancan, ha partecipato ad una audizione sulla povertà dei minori in Italia organizzata a luglio dalla Commissione per l’Infanzia e l’Adolescenza del Parlamento italiano.
Abbiamo dato voce a molte esperienze significative per la prima infanzia. In particolare nel convegno annuale di Napoli (dicembre 2014) Le abbiamo raccontate ad una platea locale ma anche ad una platea nazionale grazie alle interviste e agli articoli apparsi sulla stampa e sui social media.
Tutto questo non sarebbe stato possibile senza la Vostra collaborazione e di tante altre persone che a titolo personale o in rappresentanza di enti e organizzazioni ci hanno aiutato a portare avanti l’idea che l’innovazione nei servizi per la prima infanzia è uno dei traguardi da perseguire con tenacia e impegno. Lo dobbiamo prima di tutto ai bambini in condizioni di disagio e ai loro genitori.
GRAZIE!
Un augurio a tutti per un Buon Natale e un prospero Nuovo anno
Marzia Sica e Tiziano Vecchiato