«

»

nov 24

Pericolo attacchi terroristici: rinviato il seminario Tfiey a Bruxelles

ceseMomentaneamente sospeso il seminario “Transatlantic forum of inclusive early years: Investing for the development of children from migrant and low-income families”, previsto domani a Bruxelles nella sede del Comitato economico e sociale europeo (Cese-Eesc).

Le istituzioni europee hanno infatti limitato le attività, consentendo esclusivamente quelle strettamente necessarie, a seguito dell’innalzamento al massimo livello di allerta dovuto all’alto rischio di attentati in città.  A Bruxelles i soggetti promotori del progetto TFIEY avrebbero presentato le attività svolte a livello nazionale e internazionale. Era stata una precisa richiesta dello stesso Cese di conoscere e approfondire il progetto dedicato alle politiche per lo sviluppo dell’educazione e della cura della prima infanzia (0-6 anni). Un progetto che in questi anni di attività non si è limitato solo a fare advocacy, ma è riuscito a creare intorno a sé una rete, una comunità nazionale e internazionale che sperimenta nell’ambito dei servizi alla prima infanzia. “Abbiamo prima di tutto investito nel far sì che questa rete collaborativa, indipendente, libera di centri di responsabilità sociale e di pensiero si consolidasse, mettesse ponti con le reti analoghe che sono in operatività in altri Paesi Europei e Nord Americani e quindi costruire soluzioni” ricorda Marzia Sica della Compagnia di San Paolo, che ha avviato il progetto TFIEY in Italia in collaborazione con Fondazione Cariplo, Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo e Fondazione CON IL SUD e con la partnership scientifica di Fondazione Emanuela Zancan di Padova.  “Siamo ormai al terzo anno e ora ci aspetta la fase di sperimentazione delle idee innovative e sostenibili che abbiamo messo a fuoco – aggiunge Cinzia Canali della Fondazione Zancan -. È una sfida che ci vedrà impegnati nei territori con la valutazione di efficacia e la valutazione di impatto sociale”.  Tra i nomi di primo piano previsti al seminario, che sarà riorganizzato quanto prima, Luca Jahier presidente del terzo gruppo del Cese, Stefan Schafers della Fondazione Re Baldovino, Michael Vandenbroeck della Ghent University, June Thoburn, della University of East Anglia e molti rappresentanti delle istituzioni europee.